sporteadolescenti_coachdiegodallasega

Adolescenti e Sport

Adolescenti e Sport.

L’Associazione Genitori Sedico (Belluno) ha organizzato una serata per esplorare il mondo dello sport vissuto nell’adolescenza.
L’incontro, venerdì 24 marzo alle 20,30 c/o la Scuola Edile di Sedico, è aperto a tutti gli interessati: studenti, atleti, genitori, educatori, allenatori, dirigenti.
Diego Dalla Sega – formatore, trainer e coach certificato- accompagnerà i partecipanti alla scoperta delle tematiche caratterizzanti il binomio adolescenti/sport attraverso l’uso delle domande efficaci.

Ecco un feedback significativo dopo l’incontro:

“Le opportunità che possono aiutarci a crescere come genitori, vanno prese al volo, ho avuto l’opportunità di tornare a casa con un sacco di domande in tasca, le domande giuste da porre alle persone a cui teniamo di più: i nostri figli.
Le domande creano confronto, che deve aiutare a risolvere un conflitto, a dialogare, a costruire. Farlo insieme agli educatori che condividono esperienze con i nostri ragazzi, diventa il modo più utile per raggiungere il loro cuore . Il confronto gratificante di ieri è stato arricchito dall’esperienza diretta dei giovani ospiti, dei genitori e degli allenatori che si sono messi in gioco.
Un grazie immenso a Diego, in primis, per il cuore;a Martina, Mattia e Sara per la genuinità delle loro testimonianze; a tutti i presenti che hanno accolto questa opportunità; all’associazione genitori che continua a crederci.
Grazie!” – Eloisa Costa

Sconfitta e pallavolo femminile

Prof. Sport sale in cattedra

Lo sport dà continuamente lezioni: puoi decidere di stare attento oppure no.
Queste lezioni a volte si chiamano sconfitte e la tentazione di non seguirle, mentre il prof. Sport te le sta spiegando, sarebbe forte.

Accogliere le sconfitte con i loro insegnamenti è ovviamente più difficile che accogliere le vittorie.
Una vittoria, di qualsiasi tipo essa sia, la prendi e la metti via o con un mezzo sorriso o con un sorriso più largo.
La sconfitta no, in quel caso puoi anche sorridere ma il rischio di sembrare fuori luogo è alto.

Una sconfitta come quella che è capitata a me, con la squadra di sabato scorso, è quanto di più costruttivo potesse capitare.
Non è casuale né che sia arrivata né il modo col quale lo ha fatto.

Sarebbe facile parlare di ciò che potrebbe essere mancato: entusiasmo, tecnica, tattica, voglia di crescita, attenzione, inesperienza, centimetri e così via …
Tutti fattori assolutamente corretti ma da soli non bastano a “spiegarla” fino in fondo.

Preferisco approcciarla da un punto di vista diverso.
Un punto di vista che parte da molto più lontano e che serve a me per mettere ordine nel lavoro di programmazione che continuamente svolgo.

Le domande che mi sto ponendo sono queste:
– c’è il rispetto del ruolo da parte di tutti?
– sono tutti consapevoli dei compiti che sono affidati loro?
– i singoli membri della squadra come si pongono attualmente rispetto all’obbiettivo che ci siamo dati?

Tre domande potenti.
Tre domande alle quali non può seguire una risposta senza una buona riflessione.
Tre domande che possono mettere in moto tutto ciò che di buono fino ad ora era sopito.

Trasformare una sconfitta sportiva in una buona sconfitta: questo è ciò che serve per una sana crescita sportiva e di vita!

Buon Natale a tutti gli Sportivi!!! Buon Natale a tutti coloro che non si stuferanno mai di seguire le lezioni del magnifico Prof. Sport.

E adesso un time-out di otto giorni …
#coachwolf #buonnatale